Come trasformo uno specchio d’acqua in un pezzo unico di design

Come trasformo uno specchio d’acqua in un pezzo unico di design

Come forse avrai letto nella prefazione del mio libro, le piscine nascono con gli antichi egizi. In un viaggio che ho fatto, ne ho vista una costruita da loro.

Era una piscina fuori terra, posizionata nel centro esatto del giardino. Oggi la definiremmo pacchiana perché decorata con un mosaico di geroglifici dorati, ma in quel contesto era perfetta.

Inoltre, la guida della gita che ci raccontava aneddoti, ci ha spiegato che gli antichi egizi davano molta importanza al proprio giardino perché era il luogo dove trascorrevano la quasi totalità del tempo con gli ospiti.

Per questo, il giardino era l’elemento di rappresentanza della casa ed era comune ostentare la propria ricchezza per mezzo di strutture quali le piscine.

Nella mia vita ho costruito tantissime piscine e ne ho viste un’infinità, ma non ho mai avuto l’onore di emozionarmi così tanto di fronte ad un’opera del genere.

In quel giardino ho trovato la massima rappresentazione di una piscina, il centro nevralgico della vita sociale di una cultura antichissima e nobile, che ha creato dei simboli così eterni da arrivare sino ai giorni nostri. Come quello rappresentato dall’avere una piscina nella propria abitazione.

Come immagino tu abbia capito, quella gita mi ha segnato. Tanto che, una volta tornato in patria ho iniziato a studiare dei metodi per fornire al cliente delle piscine completamente personalizzabili e di design.

Sono convinto che molti dei benefici di una piscina vengano amplificati se questa risulta esteticamente attraente.

Pensa quando avrai voglia di riflettere sulla sdraio a bordo piscina: saresti più a tuo agio se il living fosse esattamente del tuo colore preferito, di un materiale che dà soddisfazione al tatto, inserito in una struttura unica nel suo genere che si fonde perfettamente con l’ambiente circostante ed i tuoi gusti personali, oppure in una piscina standard da show-room?

Ed in questo articolo voglio svelarti come sono riuscito a rendere realtà l’obiettivo di creare delle fantastiche piscine di design.

Quello che sto per affermare ti sembrerà strano, ma nonostante abbia un team di persone estremamente preparate nel loro mestiere, è possibile che la fuori ci siano persone altrettanto capaci e in gamba.

Anche loro sarebbero in grado di costruire delle piscine esteticamente belle, ma non ne hanno la possibilità.

Esatto, il trucco fantastiche piscine non risiede nelle abilità dei miei esperti in paesaggistica, design e quant’altro… ma nella struttura dell’azienda.

Mi spiego meglio.

Il mondo delle piscine è composto perlopiù da grandi aziende produttrici di vasche, dotate di una rete di rivenditori distribuiti sul territorio italiano. Quando tu contatti un’azienda produttrice di piscine, tipicamente vieni invitato a visitare uno specifico show-room vicino a te, dove un consulente ti aspetterà per guidarti attraverso l’offerta di prodotti dell’azienda.

La vendita tramite show-room funziona tramite la vendita da catalogo. Il rivenditore ha a disposizione una serie di opzioni, calate dall’alto dalla casa madre, e deve convincerti a scegliere una di quelle, perché qualsiasi personalizzazione comporterebbe un accordo ad hoc con la casa madre per un pezzo unico, con conseguente abbassamento del suo mar-gine di guadagno.

Nuovo look e dimensioni ogni volta che vuoi.

Le piscine “semplicemente piscina” di nuova generazione essendo completamente smontabili, ti permetteranno di aggiungere o togliere dei pannelli e modificare le dimensioni ogni volta che vorrai.
Oltre alle dimensioni potrai cambiare facilmente anche il rivestimento interno. Scegliendolo di un colore differente, renderai la piscina come nuova, nell’improbabile caso in cui dovessi annoiartene.

Inoltre i rivenditori virtuosi che ci sono in Italia hanno un altro grosso problema, che io definisco l’effetto Just Eat.

Tempo fa ho visto un servizio in televisione sui ragazzi che con la loro bicicletta lavorano come fattorini presso aziende che offrono il servizio di consegna cibo a domicilio, come Just Eat.

I fattorini si lamentavano delle condizioni di lavoro, che definivano “da schiavisti”. In pratica i biker vengono pagati a singola consegna, e il lavoro viene assegnato da un software che mette in contatto il fattorino con il cliente finale ed il ristorante.

Questo software è programmato per assegnare il lavoro con massima priorità a chi è reperibile H24, 7 giorni su 7. Tutti gli altri bikers passano in secondo piano. In questo modo l’azienda incentiva questi ragazzi a farsi la concorrenza a vicenda, lavorando sempre di più.

La conseguenza di questo metodo prioritario è che i bikers che vivono di questo lavoro, per rimanere in cima alla classifica sono disposti a lavorare a qualsiasi orario del giorno e della notte.

Allo stesso modo funziona il mondo delle piscine. Alla casa madre interessa l’incassato, quindi se il rivenditore vuol prendere meno lavori per offrire un servizio migliore al cliente, nella stagione successiva la casa madre gli passerà meno lavori, preferendo un altro rivenditore di zona che “macina di più”.

Credo che alla base di un servizio eccellente ci debba essere l’attenzione verso il cliente per cercare di soddisfare tutte le richieste possibili. Per questo motivo io seguo massimo 4 clienti per zona al mese e la mia vendita non parte dal catalogo, ma dal cliente.

Invertire il processo di vendita partendo dal clien-te e non dal prodotto, creare solo progetti personalizzati e eliminare gli operatori intermedi sono gli ingredienti del successo di Semplicemente Piscina.

Una delle caratteristiche che i miei clienti apprezzano particolarmente è l’estetica delle loro strutture. Ogni piscina è diversa dalle altre, come se fosse un pezzo unico che solo tu puoi possedere, e proprio questa caratteristica ha creato una magia che non avevo preventivato.

Immaginati un futuro dove ogni persona che entra nel tuo giardino, allo sguardo della tua piscina si ferma, lentamente apre la bocca ed esclama un godurioso WOW!

Ecco, questo è ciò che capita alle persone che installano nel proprio giardino una piscina particolare, mai vista da nessun’altra parte.

Una piscina sulla quale i riflettori vengono puntati, ma che lascia ampio spazio anche alle bellezze che la circondano.

Se ti stai chiedendo come sia possibile questa “magia” che trasforma il tuo giardino in un angolo di paradiso, la risposta sta nella possibilità di personalizzare la piscina mixando 3 punti fondamentali:

  • Il tuo gusto personale
  • L’estetica del tuo giardino, casa e ambiente circostante
  • La messa su carta da esperti designer di tutte le idee, foto ed opinioni partorite con il cliente.

Una volta che avviserai il tuo consulente dedicato,( dopo una prima consulenza telefonica) di voler affidarti alla mia azienda per realizzare il tuo sogno nel giardino, questo farà una visita a casa tua, ispezionerà il giardino ed insieme va-luterete il miglior punto in cui posizionare la piscina.

Infine ascolterà le tue idee, gusti e richieste, facendo una valutazione secondo il nostro protocollo aziendale. Una volta raccolte le informazioni, le farà assemblare ai nostri esperti che metteranno tutto in lavorazione.

Articoli Correlati